spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img

Impianto biogas, la Lega: “Non verrà realizzato al confine con Castiglione del Lago”

Da leggere

“Apprendiamo con soddisfazione che il nuovo impianto per il recupero di purea organica mediante la formazione di biogas per la produzione di energia elettrica e termica con l’utilizzo di rifiuti urbani non verrà realizzato in località Fornacelle al confine con Castiglione del Lago, come richiesto a più riprese dalla Lega”. A intervenire sono i consiglieri comunali Lega Paolo Terrosi e Lorenzo Nardelli.
“La Regione Toscana – proseguono – ha stabilito che il nuovo impianto presenta molti elementi che ne sconsigliano la realizzazione. È stato evidenziato che il digestato liquido non sarebbe conforme al reg. UE 1009/2019 e l’operazione R10 non è autorizzabile in quanto si trasformerebbe in un mero scarico sul suolo di rifiuti di origine non ben definita. Permangono, inoltre, forti perplessità per il superamento delle criticità legate alla diffusione di miasmi ed odori molesti ed alla tutela delle fonti idropotabili ad uso degli immobili ricadenti nell’area non serviti dal pubblico acquedotto. Infine, risultano non consoni i limiti di emissioni in atmosfera, rispetto ai quali il proponente ha presentato varie proposte non ritenute soddisfacenti rispetto al quadro normativo applicabile”.

“Noi per primi – affermano i consiglieri comunali della Lega di Castiglione del Lago – insieme ai vari comitati di cittadini, avevamo espresso forti perplessità sulla nascita di questo nuovo impianto in località Fornacelle al confine con il nostro comune. Appariva fin da subito inconcepibile che questo impianto dovesse sorgere a meno di 400 metri dall’oasi del lago di Montepulciano che fa parte di ‘Natura 2000’, anche in considerazione di un’area classificata dai piani regolatori con elevata pericolosità idraulica anche per la presenza di nitrati. È risaputo che la zona interessata è di assoluta valenza agricola e turistica, quindi ci era sembrato ovvio che andasse trovato un luogo più adatto a questo tipo di attività, non certo vicino ad una oasi naturalistica. Inoltre, già si riteneva che i residui del trattamento non potevano essere utilizzati come fertilizzanti non avendone le caratteristiche previste”.

“Ci dispiace constatare che l’amministrazione comunale di Castiglione del Lago, pur essendo a conoscenza di questo progetto, non ha mai preso posizione nel merito, se non dopo che il gruppo
Lega ha presentato un’interrogazione per conoscere l’impatto ambientale del nuovo impianto sul territorio. Nel rispondere alle nostre questioni, l’assessore competente fu molto elusivo, glissando sul merito e stigmatizzando il fatto che la questione non fosse di primario interesse del nostro Comune, pur essendo innegabile che eventuali criticità di natura ambientale sarebbero ricadute sul nostro territorio, data la vicinanza all’impianto.
Ancora una volta l’amministrazione comunale ha perso l’occasione di dimostrare il suo impegno, distinguendosi per la noncuranza nell’affrontare le problematiche. Come Lega saremo sempre dalla parte dei cittadini, fieri di aver contribuito alla difesa del nostro comune – concludono Terrosi e Nardelli – in antitesi al consueto immobilismo della giunta, ingessata e poco sensibile alle impellenze del territorio”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img