spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img

Coldiretti giovani impresa: Francesco Capalbo nuovo delegato di Perugia

Da leggere

Francesco Capalbo, ventinovenne di Magione, è stato eletto nuovo delegato Coldiretti Giovani Impresa Perugia, mentre Stefano Migno, ventottenne di Lugnano in Teverina, è stato confermato alla guida degli under 30 Coldiretti per la provincia di Terni. È il risultato del voto delle Assemblee provinciali dei giovani imprenditori di Coldiretti, tenutesi martedì e mercoledì scorsi.
Ho accettato con entusiasmo questo incarico, raccogliendo il testimone da Valentina Alunno che ringrazio per il lavoro svolto – ha affermato Francesco Capalbo neo delegato Coldiretti Giovani Impresa Perugia – che conduce a Magione un’azienda agricola ad indirizzo ortofrutticolo, le cui eccellenze sono proposte direttamente nel proprio punto aziendale e nel Mercato Contadino Perugia Campagna Amica a Madonna Alta. Il nostro è un mestiere dalle prospettive economiche importanti – ha precisato – ma anche utile all’ambiente e all’intera collettività; un mestiere unico, anche se non mancano le difficoltà.

Dal difficile accesso al bene terra a quello al credito, fino all’eccessiva burocrazia e al complicato ricambio generazionale. L’impegno in agricoltura – ha aggiunto Capalbo – non è più considerato l’ultima spiaggia per chi non ha un’istruzione, ma una nuova importante strada per le giovani generazioni, sempre più formate e informate. Le aziende condotte da giovani sono spesso le più competitive, innovative, con buoni livelli occupazionali e pure le più multifunzionali. Serve però potenziare gli sforzi, verso politiche che agevolino le nostre scelte, poggiando su risorse e regole che siano un incentivo in grado di dare certezze a chi scommette di entrare e restare nel comparto. Dovremo saper realizzare idee e progetti utili alla nostra crescita imprenditoriale, “entrando” anche nelle scuole – ha concluso Capalbo – supportando e dando continuità alle politiche e strategie di Coldiretti.

Per Stefano Migno, allevatore di bovini da latte a Lugnano in Teverina è arrivata la riconferma per i prossimi cinque anni. Anche se ci troviamo di fronte ad un “quadro” economico a dir poco difficile – ha sottolineato Migno – come giovani abbiamo intenzione di rilanciare il nostro impegno in un settore caratterizzato da sostenibilità e tanta qualità. I giovani vanno incoraggiati ad approcciare “un mondo” affascinante ma che richiede comunque notevole impegno, e allo stesso tempo supportati nel proprio percorso aziendale. Servono politiche e strategie mirate per le aziende, a livello europeo, nazionale e regionale, che come giovani, dovremo saper interpretare e gestire con flessibilità e con un occhio sempre più attento all’innovazione. Sono tante le sfide che dovremo affrontare – ha concluso Migno – tutte con l’obiettivo di una convinta e forte difesa del nostro Made in Italy agroalimentare, dei redditi delle aziende ma anche della salute e sicurezza dei cittadini-consumatori, sempre più accorti a quanto acquistano e portano quotidianamente sulle tavole. La spinta dei giovani è fondamentale per garantire la presenza nelle campagne e nelle zone più marginali, anche per questo la Politica Agricola Comune e il Complemento di Sviluppo Rurale devono continuare ad avere tra le priorità una convinta valorizzazione e tutela del nostro ruolo.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img