spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img

Il fondatore dell’Eroica Giancarlo Brocci e lo storico Gianni Oliva all’Isola del libro

Da leggere

Brocci sarà a Passignano sabato 1° giugno alle 16.30 in piazza Garibaldi – L’incontro con Oliva è previsto al teatro di Castel Rigone domenica 2 giugno alle 16.30

Passignano sul Trasimeno, 30 mag. – L’Eroica è una manifestazione cicloturistica d’epoca che si svolge dal 1997 in provincia di Siena e che da allora ha fatto scuola in questo campo, divenendo simbolo stesso delle cicloturistiche e tra le più famose e importanti manifestazioni cicloturistiche al mondo. Il suo fondatore, Giancarlo Brocci, sarà sabato 1° giugno a Passignano sul Trasimeno per presentare il suo libro dal titolo ‘Il ciclismo secondo me’, “una carrellata di eventi, personaggi, luoghi familiari e mete lontane, epici scontri e clamorose eroiche sconfitte”. L’incontro con l’autore, in programma alle 16.30 in piazza Garibaldi, di fronte al May Fair Bar, è un’iniziativa nell’ambito della rassegna culturale Isola del libro Trasimeno. A dialogare con Brocci ci sarà lo stesso ideatore e patron della manifestazione, Italo Marri. “Corredato da un ricco apparato iconografico – spiegano gli organizzatori – è il libro adatto per avvicinare a questo sport, che ha visto farsi onore tanti grandi sportivi italiani, il lettore curioso che verrà sicuramente catturato dall’entusiasmo e dalla vitalità dei tanti eroici personaggi”.

Il cartellone di eventi dell’Isola del libro Trasimeno prevede poi per il giorno successivo, domenica 2 giugno, al teatro ‘Verdi’ di Castel Rigone, a Passignano sul Trasimeno, un incontro con lo storico e scrittore Gianni Oliva il quale presenterà, alle 16.30, il suo libro ‘45 milioni di antifascisti – Il voltafaccia di una nazione che non ha fatto i conti con il ventennio’. Con Oliva si confronteranno con il politico e già docente di filosofia politica all’Università di Perugia Fabrizio Bracco, politico, con Franco Papetti, presidente dell’Associazione fiumani italiani nel mondo, e Leonardo Varasano, assessore alla cultura del Comune di Perugia. “Dopo la Conferenza di Pace di Parigi del 1946 – è scritto nella descrizione del libro –, tutte le responsabilità della disfatta vengono attribuite esclusivamente a Mussolini, ai gerarchi e a Vittorio Emanuele III. Una volta eliminati i primi a Dongo e in piazzale Loreto ed esautorata la monarchia con il referendum del 2 giugno, l’Italia può riacquistare la sua presunta integrità politica e morale usando la Resistenza, opera di una minoranza, come alibi per assolversi dalle responsabilità del Ventennio. Quando i perdenti salgono sul carro dei vincitori la memoria storica viene spazzata via e ha inizio una nuova stagione”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img