spot_img
mercoledì 28 Febbraio 2024
spot_img

Ambiente e Legalità, un ulivo e una targa in memoria delle vittime innocenti delle mafie

Da leggere

Il Gruppo Ecologista “Il Riccio”, con il Patrocinio del Comune di Città della Pieve, in occasione della Festa di Primavera, ha inaugurato nei giardini esterni della Rocca due panchine realizzate con il legno del leccio secolare di via Borgo di Giano. Altre due erano state collocate, lo scorso anno, al Giardino dei Frutti “riTROVAti”. Un modo per rendere omaggio, con delle targhe ricordo, ad un albero che era un po’ il simbolo della città e che per problemi di sicurezza è stato abbattuto.
Alla Fonte Trova, nello spazio destinato al Giardino dei Frutti riTROVAti è stata inaugurata una prima aiuola per insetti impollinatori, ancora a salvaguardia della biodiversità, tappa fondamentale per la città che oltre ad essere dal 2019 Comune Amico delle Api ha dedicato, nel 2022, una stele, nello spazio antistante la Rocca, a questo piccolo fondamentale insetto.

I ragazzi del C.C.R.R., lodando l’iniziativa, hanno donato e messo a dimora alcune piante. La parte più rilevante della mattinata è stata dedicata, per volere del Comprensivo “Pietro Vannucci” e del C.C.R.R., ad un altro fondamentale evento che ricorre il 21 marzo: la Giornata della Memoria e dell’Impegno in Ricordo delle Vittime Innocenti delle Mafie giunta alla sua XXVIII edizione. Era infatti il 1996 quando Libera Associazione Nomi e Numeri Contro le Mafie e il suo Presidente, Don Luigi Ciotti, celebrò la prima Giornata, ufficialmente riconosciuta dallo Stato nel 2017.
Due i momenti che hanno scandito questo evento: il primo alla Rocca dove rappresentanti del Gruppo Ecologista “Il Riccio”, il Sindaco, la Dirigente scolastica Caterina Marcucci, rappresentanti di Libera Umbria, il C.C.R.R. hanno dedicato un ulivo, acquistato con il contributo del Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi e degli Amministratori Comunali, ed apposto una targa in Memoria delle Vittime Innocenti delle Mafie.
Anche Città della Pieve ha quindi il suo “monumento” alle vittime di mafia, luogo simbolo di impegno sociale, legalità e, perché no, impegno per la salvaguardia ambientale, come ha voluto sottolineare il sindaco delle Ragazze e dei Ragazzi, Giorgia Quarto, a nome del Consiglio.

Il secondo momento ha visto impegnati tutti gli alunni della Secondaria di Primo Grado del Comprensivo “Pietro Vannucci” che alla Sala Sant’Agostino hanno incontrato rappresentanti di Libera Umbria che hanno illustrato loro, con l’aiuto di slide e filmati, Libera e le sue numerose attività, dalla Memoria, all’impegno nel contrasto alle mafie per la realizzazione di una società più giusta e libera anche attraverso la formazione nelle scuole e nelle università, con i campi estivi, nei tribunali, nelle piazze, nelle aule istituzionali, attraverso i social, con la denuncia, la costruzione di percorsi anche occupazionali, l’utilizzo sociale dei beni confiscati. L’intervento di una giornalista di inchiesta, Cecilia Anesi, ha poi contribuito, anche con brevi filmati, a completare il quadro, sollecitando nei giovani l’attenzione alla notizia e al lavoro di giornalisti che, pur di mettere in evidenza la verità, rischiano la propria incolumità e quella dei loro cari.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img