spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img

Fino al 17 marzo torna ‘La Castiglione dei della Corgna’

Da leggere

Torna a Palazzo della Corgna la versione aggiornata della mostra che racconta il mecenatismo della illustre famiglia e l’arte del Rinascimento, una mostra che aveva segnato l’attesa riapertura al pubblico del palazzo dopo la pandemia a maggio 2021. Curata da Lagodarte Impresa Sociale, con il patrocinio del Comune di Castiglione del Lago, è stata aperta lo scorso 5 febbraio “Diomede della Corgna. Pittori a palazzo”, già allestita a cavallo tra il 2021 e il 2022 nel quadro del progetto “La Castiglione dei Della Corgna: una dinastia tra gesta eroiche e vita di corte” e sarà visitabile fino a domenica 17 marzo 2024.

Diomede della Corgna (1571-1596), nipote del capostipite Ascanio, ebbe il merito di far pubblicare lo Statuto del Marchesato voluto dallo zio e di portare a compimento, per mano di Niccolò Circignani (detto il Pomarancio), il ciclo di affreschi che celebrano le gesta dell’illustre condottiero e capitano di ventura Ascanio della Corgna. Il percorso espositivo ripropone le tre sezioni del precedente allestimento caratterizzate da grandi pannelli con riproduzioni in alta qualità di immagini corredate da didascalie, la prima, dal titolo “Diomede della Corgna: una piccola corte dalla grande storia”, presenta la figura del mecenate collocandolo nel contesto della sua epoca e fornendone un profilo storico. Si prosegue poi con la sezione “Da Perugino al Manierismo: l’arte e gli artisti al tempo dei della Corgna”, con la quale viene contestualizzata la cultura artistica del tempo, riferita in particolare alle tendenze manieriste confluite in vario modo nelle decorazioni interne del palazzo della Corgna.

La terza sezione, “Niccolò Circignani e i pittori a palazzo: il ciclo di affreschi tra storia, leggenda e visioni fantastiche” è invece dedicata, nello specifico, al ciclo di affreschi, presentando la riproduzione dell’intera serie dei 12 bozzetti dedicati alle gesta di Ascanio realizzati dal Circignani, di cui 6 esposti per la prima volta al pubblico, e i cui originali sono conservati presso la Oxford University, consentendo così un’inedita lettura comparata delle opere e riuscendo a scoprire particolari di studio mai analizzati prima. Questa sezione offre inoltre un singolare sguardo al multiforme, e quanto mai straordinario, complesso decorativo nello stile delle grottesche, nel quale si potranno individuare elementi stravaganti ed eccentrici, frutto della più autentica cultura manierista italiana, come testimoniato negli stessi anni da realtà quali il Sacro Bosco di Bomarzo o le bizzarre “teste composte” di Arcimboldo.

La mostra è un progetto di Lagodarte Impresa Sociale che si è avvalsa della collaborazione di un team di professionisti e cultori di storia locale, tra cui gli storici dell’arte Andrea Baffoni e Walter Pagnotta, il ricercatore Luciano Festuccia e l’illustratore Luca Petrucci che ne ha curato anche il nuovo allestimento.
Tutte informazioni su: www.lacastiglionedeidellacorgna.it e su Facebook “Mostre Castiglione del Lago”. La mostra è aperta tutti i giorni con orario continuato dalle 10 alle 17, con ultimo ingresso 45 prima dell’orario di chiusura. È possibile prenotare l’apertura straordinaria per visite riservate. Il biglietto di ingresso, che comprende anche la visita a Palazzo della Corgna e alla Rocca Medievale, è fissato in 9 euro con “Ridotto A” 7 euro (gruppi di più di 15 persone e fino a 25 anni) e “Ridotto B” 4 euro (ragazzi tra 6 e 17 anni). Biglietto gratuito per bambini fino a 5 anni e per tutti i residenti nel Comune di Castiglione del Lago. Possibilità di organizzare visite guidate.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img