spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img

Al Museo della pesca l’incontro “Nel prezioso e antico scrigno della fiaba”

Da leggere

La mostra “Donna vede Donna”, in esposizione fino al 29 dicembre al museo della Pesca e del Lago Trasimeno di San Feliciano, si propone anche come anfiteatro e luogo di incontro per le donne e le associazioni che hanno in animo di organizzare forum, dibattiti e riunioni per raccontare, informare e scambiare opinioni su alcune delle attuali problematiche femminili.
A tale proposito è in programma un incontro dal titolo Nel prezioso e antico scrigno della fiaba: la donna. Viaggio simbolico nell’essenza del femminile, a cura della psicologa-psicoterapeuta Mariapia Minotti. Interverranno Vanni Ruggeri, Assessore della Cultura del Comune di Magione, Francesca Caproni, Direttrice del GAL Trasimeno-Orvietano e Marco Pareti, di Trasimeno in Dialogo e Ars Cultura. Appuntamento domenica 15 dicembre alle ore 10,30 presso il Museo della Pesca e del Lago Trasimeno a San Feliciano.
L’evento è organizzato da Trasimeno in Dialogo e Ars Cultura, con il supporto del Comune di Magione, del Gal Trasimeno-Orvietano, della Proloco di San Feliciano, del Museo della Pesca, del Sistema Museo e del Progetto Donna di Magione.

Il progetto fotografico corredato da versi, Donna vede Donna, di respiro internazionale, ha come finalità di descrivere, con foto e versi, le varie sfaccettature femminili e di mettere in risalto la dolcezza, la bellezza e la centralità sociale delle donne, aborrendo ogni forma di violenza.
Marco Pareti è il coordinatore del progetto, Stefano Fasi, il coordinatore fotografico e direttore artistico, con la collaborazione di Marina Sereda e Graziella Mallamaci. Trasimeno in Dialogo e Ars Cultura sono i progetti culturali e sociali sui quali poggia il messaggio progettuale di Donna vede Donna.
Le fotografe sono nove, amatoriali e professioniste, tra italiane, russe e albanesi: Sara Belia, Roberta Costanzi, Elena Kovtunova, Antonella Marzano, Lorena Passeri, Rita Peccia, Antonella Piselli, Anastasia Trofimova, Renilda Zajmi. Le cinque autrici sono di origine italiana, russa e giapponese: Sara Belia, Naoko Ishii, Graziella Mallamaci, Mariapia Scarpocchi e Marina Sereda.
Il progetto è supportato dal G.A.L. Trasimeno-Orvietano, così come la composizione di un libro fotografico dedicato.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img