spot_img
sabato 20 Aprile 2024
spot_img

Centrale di Pietrafitta, arriva il piano di potenziamento: “Segnali incoraggianti”

Da leggere

Qualcosa si muove dalle parti della Centrale di Pietrafitta. Come hanno sottolineato i sindaci di Piegaro Roberto Ferricelli e di Panicale Giulio Cherubini, i segnali che stanno giungendo da Enel rispetto alla “Franco Rasetti” sono da giudicare “estremamente importanti e incoraggianti”.

Nei giorni scorsi l’azienda ha presentato un progetto per la realizzazione di sistemi di accumulo di energia (Bess) di circa 100 MW. Un piano che prevederebbe l’installazione di due moduli localizzati in due aree adiacenti l’Unità PF5, che garantirà maggiore flessibilità e tempestività nell’erogazione di energia elettrica. “In sostanza si tratta – spiega Ferricelli – di un ulteriore potenziamento del moderno impianto a ciclo combinato che si va a sommare alla importante opera di manutenzione straordinaria, del valore di 15 milioni di euro, pronta a partire dal prossimo mese di giugno. E pertanto un’ulteriore conferma della volontà di Enel di rimanere in Umbria e di investire sul nostro territorio”.

Per i sindaci le risposte che stanno giungendo da Enel vanno nella direzione auspicata dal territorio e dalle due Amministrazioni comunali (Piegaro e Panicale) che in questi anni si sono impegnate per ottenere l’inserimento della Valnestore tra le “Aree di crisi non complessa”. “Crediamo che lo sviluppo economico di questo territorio debba parlare un’unica lingua e debba avere Enel quale fulcro e motore propulsore”, sostengono i due amministratori.

Con Enel restano aperte ancora molte questioni, a partire dagli impegni presi con il protocollo d’intesa di un anno fa, sottoscritto con la Regione Umbria, e che prevede la riqualificazione delle cosiddette sezioni PF3 e PF4, ovvero la vecchia centrale a turbogas non più funzionante, per le quali i due Comuni si attendono risposte importanti con significative ricadute sul territorio. Come pure rimane in piedi lo scottante tema del riambientamento dei terreni circostanti gli impianti, che sono stati a lungo oggetto di escavazione mineraria e più recentemente di indagini giudiziarie. “Anche su questo ambito – dichiarano i sindaci – attendiamo di conoscere le intenzioni e i progetti che Enel vorrà attuare, mettendo a disposizione il progetto europeo LiveRur per la riqualificazione delle aree rurali”.

“Attraverso il Consorzio Consernegia Green – dicono i due sindaci – abbiamo creato uno strumento di dotazione finanziaria e di progettazione che contribuirà al rilancio dell’area. Stiamo lavorando per arrivare ad un percorso di specializzazione delle nostre aziende, per renderle concorrenziali e capaci di partecipare alle prossime sfide”.

“Crediamo – concludono Ferricelli e Cherubini – che Enel debba essere il soggetto promotore di partnership fondamentali per far decollare una nuova stagione di sviluppo per la Valnestore, secondo un quadro strategico che va da Enel alla Vetreria, passando per le PMI che dovranno poter recitare un ruolo da protagonisti”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img