spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img

Dispersioni nella rete idrica regionale, la III A dell’ITE di Magione vince il Premio ASOC “A scuola di open coesione”

Da leggere

Creare cittadini in grado di conoscere valutare e comunicare dati e informazioni sulle politiche pubbliche individuando i soggetti interessati, tracciando i finanziamenti europei e nazionali e determinandone i risultati, sono alcuni degli scopi dei percorsi didattici promossi con il progetto Scuola di OpenCoesione (ASOC) che ha visto premiata dalla Regione umbria la III A della sezione turismo dell’Ite di Magione per la ricerca delle “perdite occulte della rete idrica e distrettualizzazione della rete acquedottistica dei sub ambiti 1 e 2 della provincia di Perugia” di cui ha ricostruito la storia amministrativa. Il progetto, avviato a novembre in classe è poi proseguito online e prorogato al 10 giugno a causa dell’emergenza coronavirus .

“La classe ha svolto il lavoro in quattro fasi – spiega la docente Natalian Melcarne referente per il progetto -. Nella prima fase è stato creato un logo, ripartiti i compiti, creati gli account su Twitter, Facebook e Instagram per comunicare le attività e pianificato la ricerca sul monitoraggio civico relativo al finanziamento del Fondo di Sviluppo di Coesione sulla “Ricerca delle perdite occulte della rete idrica e distrettualizzazione della rete acquedottistica dei sub ambiti 1 e 2 della provincia di Perugia” ricostruendone la storia amministrativa. Sono quindi stati individuati gli enti coinvolti, i soggetti da intervistare, il format dell’elaborato creativo finale”.

“Nella seconda fase – prosegue – sono stati analizzati i dati raccolti sui siti istituzionali: Istat , opencoesione.gov.it, giornali, interventi di Umbra Acque Spa. Dati elaborati con delle infografiche. I report dovevano essere oggetto di una tavola rotonda, cancellata a causa dell’emergenza sanitaria, dove era prevista la partecipazione di rappresentanti istituzionali tra cui il sindaco di Magione Giacomo Chiodini, il Gianluca Carini, presidente di Umbra Acque Spa; Bruno Brunone del Dipartimento ambientale delle acque dell’Università di Perugia e la rappresentante supporter Cristina Rosetti del Movimento di difesa del Cittadino di Perugia. Il lavoro è comunque proseguito con una video intervista all’ingegnere Andrea Vitali di Umbra Acque. Intervista che è stata oggetto del report di monitoraggio civico pubblicato su monithon.it , al quale si è aggiunto un video Tg a distanza. Nella quarta fase attraverso il digital storytelling, è stata raccontata la storia progetto inserito sul blog www.ascuoladiopencoesione.it”. “Il progetto – conclude – ha permesso ai nostri studenti di sviluppare competenze digitali, statistiche e di educazione civica, aiutandoli a conoscere e comunicare, con l’ausilio di tecniche giornalistiche, come le politiche pubbliche, e in particolare le politiche di coesione, intervengono nei luoghi dove vivono con una ricaduta sulla didattica curriculare in quanto la stessa è stata integrata di nuovi contenuti e proposta in forma laboratoriale”.

“Complimenti all’Istituto tecnico economico per il riconoscimento ottenuto dai ragazzi – commenta il sindaco Giacomo Chiodini – A tutti loro e ai docenti il ringraziamento per l’impegno su temi di interesse pubblico che consentono la creazione di cittadini informati e consapevoli. L’augurio, vista la mancata tavola rotonda che avrebbe consentito di poter approfondire la discussione in merito, è ora quello di poter ritornare, con il prossimo anno scolastico, alla didattica in classe”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img