spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img

Contributi per l’emergenza Covid: un indagato a Magione

Da leggere

Risiede a Magione uno degli indagati nell’inchiesta della Procura di Milano secondo la quale la ‘ndrangheta avrebbe messo le mani sui contributi pubblici a fondo perduto post-Covid. Si tratta di un imprenditore di 33 anni che, secondo l’accusa, si sarebbe attivato per ottenere un prestito da 150 mila euro insieme al principale sospettato.

Il magionese non è comunque accusato di essere affiliato né di essere contiguo alle cosche e non è stato colpito da ordini di restrizione personale. In ogni caso, dopo le intercettazioni, sono scattate perquisizioni e sequestri nella sua residenza a Magione dopo che la Dda della Procura di Milano gli ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini.

Per gli indagati le accuse vanno dall’associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale aggravata dal metodo mafioso, all’autoriciclaggio. Quattro sono finiti in carcere, quattro ai domiciliari e altri 26 sono indagati. La Guardia di Finanza ha ricostruito la vicenda con la scoperta di fatture false per ottenere i fondi. L’inchiesta nel suo complesso ha svelato una complessa frode all’Iva nel settore del commercio di acciaio, attuata avvalendosi di una fitta rete di società cartiere e filtro, formalmente rappresentate da prestanomi.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img