spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img

“Il prigioniero americano”: a Narrazioni c’e’ Giovanni Dozzini

Da leggere

Giovanni Dozzini sarà ospite di “Narrazioni: storie, racconti, scritture”, la rassegna di libri del Comune di Castiglione del Lago, in collaborazione con la libreria “Libri Parlanti Books & Coffee” e la Biblioteca Comunale. Lo scrittore perugino presenterà “Il prigioniero americano” (Fandango) domenica 14 aprile, alle ore 17 nella sala “Massimo Del Pizzo” di Palazzo della Corgna.
Ispirandosi a una storia vera, Giovanni Dozzini ricostruisce un pezzo della storia della Resistenza del nostro Paese partendo da alcuni destini individuali emblematici, raccontandoci come ritrovarsi combattenti per la libertà spesso sia un caso, decidere di combattere è invece quasi sempre una scelta. Nella primavera del 1944 l’Europa è in fiamme, e sulle montagne dell’Appennino Umbro-Marchigiano si incrociano i destini di un uomo e una donna.

Lui è il console degli Stati Uniti d’America Walter Orebaugh che, arrestato a Montecarlo sul finire del 1942 e tenuto confinato prima a Gubbio e quindi a Perugia, fugge nel gennaio 1944, per unirsi alla Brigata San Faustino, una banda partigiana composta da alcuni ufficiali dell’esercito italiano e da una schiera di giovani proletari della zona. Lei è Maria Keller, ballerina ungherese di tip-tap che nel dicembre del 1939, dopo aver girato per anni il Mediterraneo con una compagnia internazionale, è finita in carcere a Perugia con l’accusa di spionaggio al soldo dei Francesi, per poi fuggire dopo quattro anni raggiungendo i partigiani in montagna.

È la primavera della grande offensiva partigiana e a Orebaugh viene richiesto di mettere la Brigata San Faustino in collegamento con il comando alleato, oltre la linea del fronte: quello che mancano sono le armi per affrontare il nemico che razzia e terrorizza il centro Italia. Ma lontano dai campi delle operazioni, dagli scontri tra i vari comandanti partigiani è la figura di Maria Keller ad agitare l’animo dei combattenti: come ha fatto a evadere? E se fosse una spia dei fascisti arrivata tra loro per spiarne le mosse? È possibile credere a quello che racconta?

Giovanni Dozzini, nato a Perugia nel 1978) è giornalista e scrittore. Ha pubblicato i romanzi “Il cinese della piazza del Pino” (Midgard, 2005), “L’uomo che manca” (Lantana, 2011), “La scelta” (Nutrimenti, 2016) e “E Baboucar guidava la fila” (Minimum Fax, 2018), con cui ha vinto lo European Union Prize for Literature 2019, tradotto in dodici paesi. Per Fandango è uscito il romanzo “Qui dovevo stare” (2021), vincitore del Premio Fulgineamente 2022. È tra gli organizzatori del festival di letteratura ispano-americana Encuentro.
Domenica a Narrazioni condurrà l’incontro Jacopo Mordenti. L’ingresso è gratuito ma è consigliata la prenotazione ai numeri 0759658260, 075951822 e 3486416096.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img