spot_img
domenica 21 Aprile 2024
spot_img

Cinque comunità di accoglienza potranno contare sul progetto filantropico “SocialMENTE”

Da leggere

Un programma di iniziative culturali con finalità filantropiche a sostegno di interventi e progettualità di cinque strutture socio-sanitarie del territorio: Comunità alloggio ex Ospedaletto, Centro diurno di Sant’Arcangelo, Casa Serena Zefferino Rinaldi, Casa alloggio I Tulipani, Comunità terapeutica Nuova Alba. Con il workshop di sabato scorso al Museo della pesca e del Trasimeno di San Feliciano e l’inaugurazione della mostra fotografica “Protagonisti della nostra vita”, è “uscito allo scoperto” a Magione il progetto “SocialMENTE”, promosso dall’Associazione Bar Teatro in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Un progetto pilota che parte dal basso, indirizzato a valorizzare le azioni messe in campo dalla rete di strutture sociosanitarie presenti sul territorio comunale e a migliorare comfort e benessere per i loro ospiti.
Alla presentazione dell’evento sabato sono intervenuti il sindaco Giacomo Chiodini e gli assessori Vanni Ruggeri e Eleonora Maghini, il presidente di Bar Teatro Paolo Bocciarelli, la vicepresidente del Consiglio regionale Simona Meloni e i rappresentanti delle diverse strutture coinvolte.
“SocialMENTE – è stato spiegato dagli organizzatori – è un progetto che con il concorso di tutti, pubblico e privato, associazioni di volontariato, operatori economici e privati cittadini, punta ad abbattere le barriere simboliche e fisiche che si frappongono tra l’interno e l’esterno delle strutture in cui vengono accolte in maniera temporanea o permanente persone in difficoltà”.

Cinque le strutture destinatarie. La Comunità alloggio ex Ospedaletto e il modulo “Dopo di noi” (della Usl Umbria1 – Distretto Trasimeno), rispettivamente da 8 e 6 posti che accolgono adulti con disabilità grave con o senza famiglia. Per loro il progetto prevede la sistemazione degli spazi esterni e del parco antistante per rendere così più dignitosa la vita degli ospiti. Per il Centro diurno socio-riabilitativo educativo Sant’Arcangelo (sempre della Usl Umbria1), servizio semiresidenziale a ciclo diurno rivolto a cittadini disabili di età maggiore di 16 anni, i fondi raccolti serviranno a rimodulare gli spazi interni per migliorare l’organizzazione delle attività laboratoriali. Dentro al progetto ci sono inoltre la storica Casa Serena Zefferino Rinaldi (residenza protetta per anziani non autosufficienti e appartamenti per anziani autosufficienti), per la quale è prevista la riqualificazione del “Giardino dei 5 sensi” nato per agevolare il benessere psicofisico degli ospiti; la Casa alloggio “I tulipani” (luogo di cura familiare per malati di Aids) dove si interverrà con un intervento di manutenzione del verde per rendere a misura d’uomo gli spazi della casa alloggio; Nuova Alba di Agello (comunità terapeutica e unità di convivenza per disabili psichiatrici) dove si procederà all’acquisto di arredi e materiale vario per adattare gli spazi a sale di ricreatività.

Il primo step del progetto è stato l’allestimento della mostra fotografica “Protagonisti della nostra vita”, ospitata nelle sale del Museo della Pesca, che resterà visitabile fino all’8 marzo: un emozionante e delicato racconto per immagini, realizzato all’interno delle strutture coinvolte, e accompagnato da un ricco catalogo. Alla sua realizzazione hanno lavorato cinque fotografi professionisti (David Deveson, Ettore Panichi, Gianni Vagnetti, Sara Mattaioli e Stefano Stefanoni) che nei mesi precedenti sono entrati in relazione con l’ambiente delle diverse strutture, incontrando gli ospiti e restituendo attraverso il loro obiettivo il racconto della vita all’interno delle comunità.
L’attuazione di “SocialMENTE” passa inoltre per la rassegna teatrale “Teatro insieme , uno spettacolo per tutti”. Cinque appuntamenti pomeridiani al Mengoni di Magione, a partire da sabato 15 febbraio alle ore 18.00: cinque appuntamenti per condividere insieme ad ospiti ed operatori delle strutture la magia del teatro e per sostenere attivamente il progetto.
Queste le date della rassegna: sabato 15 febbraio, ore 18.00 “Dove sono mamma e papá?”, sabato 29 febbraio, ore 18.00 “L’anatra, la morte e il tulipano”, sabato 7 marzo, ore 18.00 “Caffè doppio”, sabato 21 marzo, ore 18.00, “Aspettando Marcello”, sabato 4 aprile, ore 18.00 “Robinson”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img