spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img

Coronavirus, quell’immaginario Muro di Berlino che divide i Comuni di confine: “Fateci andare dai nostri parenti”

Da leggere

Per alcuni cittadini attraversare quell’immaginario confine che divide l’Umbria dalla Toscana era routine quotidiana. La casa in Umbria, il proprio alimentari di fiducia a qualche centinaio di metri di distanza, ma sotto la competenza di un’altra Regione. Con i Decreti del Presidente del Consiglio per contrastare l’epidemia di coronavirus quest’abitudine si è dovuta interrompere.

Piccole realtà, qualche centinaio di persone, che si stanno trovando in una situazione paradossale: vivono nella stessa comunità, ma non possono incontrarsi, neanche dopo l’entrata in vigore del nuovo Dpcm, il prossimo 4 maggio. Ferretto, ad esempio, una località divisa tra il comune di Castiglione del Lago, in Umbria, e il comune di Cortona, in Toscana. Oppure Borghetto, divisa addirittura in tre, tra Tuoro, Castiglione del Lago e la stessa Cortona, o Po’ Bandino, tra Città della Pieve e Chiusi.

In questi giorni si levano le proteste degli abitanti della zona, a partire da Giuseppe Cecchini, residente di Borghetto e consigliere comunale a Tuoro. Cecchini, intervistato da La Nazione, spiega la strana situazione in cui si trovano i suoi concittadini: “A 300 metri da casa mia il distributore è in Toscana. Abbiamo parenti a 500 metri che non possiamo visitare”. Un ‘Muro di Berlino’ immaginario, che però crea molti disagi.

E le amministrazioni locali rispondono, facendo appelli al premier Conte. Lo hanno già fatto i sindaci di San Giustino e Città di Castello, ai quali ora si uniscono quelli del Trasimeno. Matteo Burico, primo cittadino di Castiglione del Lago, si è incontrato al confine tra Umbria e Toscana con il suo omologo di Chiusi, Juri Bettollini: “Chiediamo al Presidente Conte di tenere in considerazione le esigenze di quei municipi che condividono, di fatto, lo stesso territorio anche se posti in regioni diverse. I nostri cittadini spesso hanno in comune affetti familiari o relazioni personali, separati a poche centinaia di metri da un confine che è solo geopolitico. Mentre è possibile andare in città lontane, anche centinaia di chilometri”.

Questa la proposta dei sindaci del Trasimeno: “Chiediamo – scrive Burico – una revisione della norma che vieta il superamento del confine regionale almeno per quanto riguarda i Comuni di confine. Chiediamo anche che Sindaci e Consigli comunali siano investiti di maggiore responsabilità: decidere autonomamente l’apertura o la chiusura non solo delle aree verdi, ma anche e soprattutto delle attività commerciali dei propri territori, sempre nel rispetto di tutte le normative di sicurezza e prevenzione per il contrasto del virus. In questo modo aiuteremmo la ripartenza della microeconomia, un settore vitale per la sopravvivenza delle famiglie delle nostre città”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img