spot_img
giovedì 18 Aprile 2024
spot_img

ARS Contemporanea, cambio di programma per il maltempo

Da leggere

ARS Contemporanea resiste e raddoppia. Il maltempo di ieri sera ha costretto gli organizzatori a un improvviso cambio di programma dell’evento. Questa sera alle 19 al Cafè Pomarancio presentazione del libro “Lo ammetto ho tentato di essere felice!”; alle 19:30 Caffè Contemporaneo con Maurizio Mattioli e Christian Marazziti. Alle 21.30 lo spettacolo teatrale “Lo ammetto ho tentato di essere felice!” di e con Gianluca Brundo per la regia di Manfredi Rutelli, accompagnato dalla musica dal vivo di Ermanno Vallini, costumi di Maria Ines Saglietti. Lo spettacolo è un adattamento teatrale dell’omonimo libro edito da Bertoni e che Brundo ha scritto per la piccola Maria Sole, sua figlia.

Un testo che narra la costante ricerca di felicità e la scoperta dei mezzi che hanno aiutato questo percorso, oltre allo sviluppo dell’attitudine alla felicità stessa. Un bel libro con una scrittura che è volontariamente coincisa e immediata: una rivoluzione senza strepito, un’ode allo stupore, al silenzio, alla gentilezza, alla scoperta del proprio personale talento. «Un libro e uno spettacolo emozionante – spiega il regista Rutelli». «Sono un essere imperfetto – ha scritto Brundo. Sono nato imperfetto. Morirò imperfetto. Lo so. Forse un po’ meno imperfetto, ma pur sempre imperfetto. Però, lo ammetto, ho tentato di essere felice. Tentare di essere felice è il più bel mestiere del mondo. Ognuno può provarci come crede, come è sua indole, come è suo talento». Lo spettacolo è un viaggio alla ricerca della felicità: immagini e musiche evocative fanno da contrappunto al racconto che si dipana fra grandi maestri, pensieri felici, metamorfosi, atti di gentilezza, ironia, occhi inconsueti e si conclude con una toccante lettera alla figlia, per lasciare tracce di sé.

A seguire Maurizio Mattioli riceverà il premio ARS Contemporanea 2020. Alle 22.45 circa la proiezione della web serie “In famiglia all’improvviso” alla presenza del regista Christian Marazziti e di Maurizio Mattioli, serie vincitrice di premi prestigiosi, in versione integrale. La storia si sviluppa in dieci episodi per raccontare con leggerezza e ironia, tra dramma e commedia ma non senza momenti di commozione e riflessione, l’impatto della malattia, un tumore al polmone, nella vita di una famiglia e quanto possa essere importante un percorso che porti, insieme, ad una nuova consapevolezza del male stesso, dei valori e delle priorità della vita. Nel cast, oltre a Christian Marazziti che ne è anche il regista, e Maurizio Mattioli, troviamo come protagonista nel ruolo del paziente Federico Tocci, Andrea Amato, Silvia Mazzotta, Angelica Massera, Diego Tricarico, il duo comico Pablo e Pedro, Pierluigi Stella e Gianluca Brundo.

Domani, domenica 26, il programma è invariato. Alle 19 al Caffè Contemporaneo presentazione del libro “Camminare guarisce” scritto da Fabrizio Pepini, incontro in collaborazione con la libreria Libri Parlanti Book & Coffee. Alle 21:30 la Compagnia teatrale “Manni-Ossoli” porta in scena il primo episodio del reading teatrale “Storie di Ulisse” dal titolo “Polifemo e Circe”, uno spettacolo con musica dal vivo, che porterà il pubblico a viaggiare nel mito del viaggio per eccellenza, quello di Ulisse. Le atmosfere di Omero si fanno carne sul palcoscenico, fra ambientazioni evocative e caratteri degni dei grandi eroi dell’antica Grecia. Dopo dieci anni di guerra, Ulisse è un uomo solo, stanco, pieno di dubbi che desidera soltanto fare ritorno a casa; ma assieme ai suoi compagni, verrà messo alla prova da nuove avventure e terribili sofferenze lungo l’interminabile viaggio verso Itaca, con Odisseo interpretato da Mino Manni.

Il racconto è un adattamento teatrale di Manni del libro “Il mio nome è Nessuno” di Valerio Massimo Manfredi. Un racconto in prima persona: è Odisseo a narrare di sé, proprio come accade nel poema omerico in cui il re di Itaca, naufrago, approda nell’isola dei Feaci alla corte del re Alcinoo e racconta la propria lunga storia e assenza dalla sua terra. Le figure femminili degli episodi narrati sono interpretate dalla bravissima Marta Ossoli che arriva velata nei panni della madre di Ulisse, ormai “ombra” nell’Ade e poi diventa la misteriosa maga Circe. La Ossoli è capace di modulare la voce cantando brani della tradizione greca e sicula.
Tutti gli incontri e gli spettacoli sono ad ingresso gratuito, nel pieno rispetto degli standard di sicurezza della Rocca Medievale.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img