spot_img
martedì 27 Febbraio 2024
spot_img

Veterinari esclusi dal piano vaccini, il presidente dell’Ordine minaccia azioni di protesta

Da leggere

“La vaccinazione anti Covid-19 sia estesa a tutti i medici veterinari e non solo ai dirigenti medici veterinari del Sistema sanitario nazionale che giustamente ne devono usufruire e che già hanno ricevuto la prima e seconda dose, compresi gli amministrativi e dipendenti”.
A dirlo è il presidente dell’Ordine dei medici veterinari della provincia di Perugia, Sandro Bianchini, che si dice “deluso e amareggiato dalla Regione”.

“Non volevo arrivare a questo – spiega – ma come presidente di un Ordine professionale sanitario, mi corre l’obbligo, oltre a sentirmi in dovere, di difendere i diritti di tutti gli iscritti al nostro Ordine, attuando e mettendo in campo qualsiasi strategia o percorso utile allo scopo e cioè quello di dare la possibilità a tutti i colleghi medici veterinari, di ricevere la vaccinazione anti Covid”.

Il problema nasce sulla somministrazione del vaccino ai liberi professionisti che “sono quotidianamente in prima linea nella difesa della salute pubblica e nel far rispettare le regole ad essa correlate”, sottolinea Bianchini il quale ricorda che le regioni limitrofe all’Umbria “hanno fin da subito inserito i medici veterinari liberi professionisti in Fase 1” e quindi tra i primi ad essere vaccinati come il resto del personale medico.
Per Bianchini l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, deve recuperare il terreno perso per fare iniziare la vaccinazione di tutti i medici veterinari. Il presidente dell’ordine non esclude, eventualmente, anche azioni di protesta.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img