spot_img
venerdì 1 Dicembre 2023
spot_img

Furto aggravato a Panicale: arrestato in flagranza un 32enne

Da leggere

Un’azione tempestiva dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Città della Pieve (PG) ha portato all’arresto di un 32enne di origine romena, accusato di furto aggravato in concorso. I militari dell’Arma sono intervenuti presso una struttura ricettiva a Panicale (PG) in seguito alla segnalazione della proprietaria, momentaneamente all’estero, che aveva scoperto due individui intenti a trafugare una considerevole quantità di oggetti in rame all’interno della sua proprietà.
La denunciante ha assistito in diretta all’azione dei ladri tramite i filmati delle telecamere di videosorveglianza visualizzati dal proprio smartphone e ha immediatamente allertato le forze dell’ordine.

Una volta sul posto, i Carabinieri hanno individuato una catasta di materiale in rame opportunamente nascosta alle spalle di una siepe, vicino alla sede stradale. La pila comprendeva grondaie, canne fumarie, tubature dell’impianto idraulico esterno e altri oggetti in rame divelti dalla struttura in muratura, appositamente schiacciati per ridurre il volume occupato.
Fortunatamente, grazie alla descrizione dettagliata fornita dalla proprietaria, i Carabinieri hanno individuato e bloccato poco distante dal luogo del furto uno dei presunti responsabili, un trentaduenne di origini rumene, già noto alle Forze dell’Ordine. Durante la perquisizione, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico di 22,0 cm, che è stato prontamente sequestrato.

Nonostante le ricerche, il secondo soggetto coinvolto è riuscito a sfuggire all’identificazione. Si stima che i malfattori abbiano già asportato una considerevole quantità di materiale dal valore complessivo di circa 4.000,00 euro.
Il trentaduenne è stato condotto presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Città della Pieve e, in accordo con le disposizioni impartite dalla Procura della Repubblica locale, è stato tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato in concorso. Inoltre, è stato deferito per il porto abusivo di oggetti atti ad offendere e trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale CC di Perugia.
Il processo “direttissimo” ha avuto luogo venerdì scorso, ed il 32enne è stato condannato a 1 anno di reclusione e al pagamento di una multa di 300,00 euro.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img