spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img

Processionarie, USL: rischi e rimedi per la salute e i giardini

Da leggere

Con l’arrivo delle giornate fredde, diventa cruciale proteggere i giardini dagli effetti dannosi delle processionarie, lepidotteri noti per i loro peli urticanti, anche presenti nei nidi abbandonati. Questi insetti possono causare infiammazioni e reazioni allergiche sia negli esseri umani che negli animali, con possibili esiti gravi. Febbraio rappresenta l’ultimo momento utile per eliminare i bozzoli delle processionarie, poiché le larve sono ancora al loro interno.

Per eliminare i nidi in modo sicuro, il dottor Alessandro Maria Di Giulio, responsabile dell’attività di disinfestazione del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Usl Umbria 1, consiglia di tagliare il ramo su cui si trova il bozzolo e immergerlo in un contenitore d’acqua per una settimana. Successivamente, è possibile interrare il contenuto in buche profonde e lontano dalle persone. Se i nidi sono al di sopra del suolo, è consigliabile rivolgersi a ditte specializzate con apparecchiature per il lavoro in quota. Durante le operazioni, è fondamentale indossare occhiali chiusi e mascherina antipolvere e evitare di bruciare i nidi, poiché i fumi dispersi possono causare danni gravi.

La collaborazione delle Amministrazioni comunali è essenziale per monitorare parchi pubblici e giardini delle scuole al fine di individuare e rimuovere i nidi. Tutte le informazioni sulle processionarie sono contenute nell’opuscolo “Processionaria del Pino, modalità di controllo a tutela della salute”, realizzato dal Servizio Fitosanitario Regionale della Regione Umbria in collaborazione con le Usl Umbria 1 e Umbria 2. L’opuscolo è disponibile sul Portale Disinfestazione della Usl Umbria 1, sulla pagina Facebook “Portale Disinfestazione” e può essere richiesto al Dipartimento di Prevenzione delle Usl 1 o 2. Per ulteriori dettagli, si può visitare il sito www.portaledisinfestazione.org della Usl Umbria 1.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img