spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img

Presentato alla cittadinanza il progetto internazionale “Il Giardino della Pace”

Uno spazio con 21 olivi provenienti da tutto il Mediterraneo come luogo simbolico di concordia e coesione. Sottoscritto accordo per la sua realizzazione

Da leggere

Alta partecipazione e grande interesse per l’incontro di lunedì sera “Il Giardino della Pace – dall’idea alle prospettive di un progetto internazionale nato a Paciano”.
L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione Comunale di Paciano in collaborazione con il CSA “Centro Sociale Anziani”, l’Associazione “The Garden of Peace” e il “Frantoio del Trasimeno”, ha rappresentato un momento importante per definire il punto di partenza della realizzazione del “Giardino della Pace” a Paciano.
Si tratta di un’area destinata ad ospitare 21 piante di ulivo provenienti da tutta l’area del Mediterraneo ed oltre, moltiplicate nel Banco Mondiale di Germoplasma dell’Olivo (con sede a Cordova – Spagna) e cedute all’associazione “The Garden of Peace”, la quale, attraverso un atto di cessione firmato dalle parti, le ha donate al Comune di Paciano.

Dal Banco mondiale del germoplasma di Cordova a Paciano per il primo “Garden of peace”

A completamento di questo percorso nei giorni scorsi è stata sottoscritta una convenzione tra Comune di Paciano e l’azienda “Frantoio del Trasimeno”, la quale ne ha progettato e finanziato la realizzazione in un terreno di propria proprietà da destinare a pubblica fruizione come luogo di meditazione e riflessione, aperto anche alla realizzazione di iniziative ed attività di pubblica fruizione sul tema della “pace” e di approfondimento culturale sulle tipologie di “cultivar” presenti nel mondo.
La serata di lunedì è stata l’occasione per ripercorrere tutto quello che in pochissimo tempo l’associazione “The Garden of Peace” è riuscita a portare nell’area del Mediterraneo attraverso accordi di realizzazione di svariati “Giardini della Pace”, alcuni dei quali già completati, facendolo diventare un progetto internazionale di tutto rilievo.
Dopo il saluto di Paolo Serafini (presidente del CSA e soggetto ospitante dell’iniziativa), il Sindaco Riccardo Bardelli, nel ringraziare tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa, ha sottolineato: “Crediamo in questo progetto e siamo convinti che la partnership tra il Comune di Paciano, l’associazione The Garden of Peace e la società Frantoio del Trasimeno srl porterà degli importanti benefici a tutto il territorio”.

“Un progetto reso possibile dalla sinergia tra pubblico e privato – ha sottolineato Luca Dini, ViceSindaco di Paciano – tramite il quale Paciano si arricchirà di un luogo pubblico all’interno del quale organizzare iniziative ed eventi legati alla pace e all’ulivo come elemento caratterizzante del territorio”.
“Abbiamo la volontà di creare un Giardino che sia anche un’esposizione a cielo aperto bella ed accogliente – ha dichiarato Stefan Hamacher, titolare del Frantoio del Trasimeno – ed in linea con la nostra missione di portare in alto il nome di Paciano attraverso l’Olio”.
“Questo progetto ha un’anima forte – è stato il pensiero espresso da Francesco Serafini, Presidente di The Garden of Peace – che ci meraviglia ogni giorno anche per l’interesse che da più parti d’Europa e del Mondo sta suscitando, proprio per la sua unicità e per il messaggio che si può costruire attorno al “Giardino della Pace”.
“Stiamo lavorando con diversi paesi e città, più o meno grandi, per realizzare molti giardini – ha sottolineato infine Oriano Spadoni, segretario di The Garden of Peace – e i nostri confini si stanno sempre più allargando anche in luoghi nei quali inizialmente non avevamo pensato”.

Trasimenonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img